5 suggerimenti da un esperto per proteggere la vostra presenza online

Le violazioni dei dati ormai sono all’ordine del giorno, e per questo tutti vorremmo fare qualcosa di più per proteggere la nostra presenza online. Anche se vi può sembrare di non poter fare molto, in verità potete adottare diverse facili strategie che vi renderanno meno vulnerabili. È tutta questione di rivelare il meno possibile di voi stessi, e di utilizzare tutte le funzionalità di sicurezza standard disponibili. Con LastPass ad aiutarvi, ecco come potete rendervi meno vulnerabili online.

1. Usate password uniche e diverse per tutti gli account.

È importante usare password lunghe e complesse, ma è altrettanto importante che ogni password che si utilizza sia unica. Non si dovrebbe mai utilizzare la stessa password per due account diversi.
Un generatore di password può aiutare in questo senso. Come molti gestori di password, LastPass ne ha uno integrato. Quando ci si registra a un nuovo sito, il generatore di password è pronto per generare una nuova password all’istante. Aiuta anche a sostituire le vecchie password con password migliori. E il meglio è che LastPass memorizza per voi tutte le password che ha generato.
L’uso di password uniche assicura che la violazione di un sito web non comporti il furto dell’account in un altro sito. Servizi come Gmail, PayPal e Dropbox hanno segnalato che gli hacker violano gli account degli utenti con nomi utenti e password trapelati da altre violazioni. Usando password uniche, riuscirete a bloccare questi tentativi

2. Usate indirizzi e-mail usa e getta.

Molti siti richiedono un indirizzo e-mail valido. Ma il vostro indirizzo e-mail è l’accesso al resto della vostra vita online. Per la maggior parte di noi, il nostro indirizzo e-mail è quello che usiamo per connetterci alla nostra banca, ai nostri social network e a innumerevoli altri servizi. Pertanto il nostro account e-mail diventa il perno della nostra vita online, ed è spesso l’obiettivo principale degli hacker. Pensatela così: avendo accesso a un account di posta elettronica, è possibile utilizzare la reimpostazione della password in più siti per accedere ad altri account. Per questo dovreste proteggere il vostro account e-mail come se ne dipendesse la vostra stessa vita (online).

A questo scopo potete creare più account Gmail o Yahoo da utilizzare unicamente per le registrazioni promozionali, ma potete anche considerare di usare account e-mail “usa e getta”. Servizi come Mailinator vi consentono di generare indirizzi e-mail, evitandovi di usare il vostro indirizzo e-mail principale. Se uno dei vostri indirizzi e-mail “usa e getta” comincia a ricevere troppa spam, potete semplicemente cancellarlo e crearne uno nuovo senza influire sul resto dei vostri account. E dal momento che LastPass tiene traccia di quali indirizzi e-mail usate e dove, avrete tutti i vantaggi in termini di sicurezza con molti meno fastidi.

3. Date risposte fasulle alle domande sulla sicurezza.

Avete presente quelle sciocche domande sulla sicurezza che vi vengono chieste per “dimostrare” chi siete? Non date risposte reali. Usate il generatore di password per creare risposte casuali che poi potete salvare in LastPass. Basterà aggiungerle alla sezione “Note” delle credenziali di accesso al sito web memorizzate in LastPass. Molte risposte a tali domande sulla sicurezza si possono trovare effettuando ricerche in Internet o spiando i vostri account nei social media. Usando risposte fasulle avrete la certezza che nessuno potrà usare la funzione di “recupero dell’account” per tentare di accedere ai vostri account.

4. Inserite i dati quando necessario, non memorizzateli.

Sembra che i siti web vogliano sapere tutto di voi, dalle informazioni di contatto ai vostri dati demografici, fino alle vostre preferenze personali. Anche se questo in teoria dovrebbe assicurarvi una migliore esperienza di shopping, la frequenza con cui vengono usate pratiche di crittografia poco sicure significa anche che molti dei vostri dati sono a rischio nel caso che un sito web subisca una violazione dei dati.

Sembra che i siti web vogliano sapere tutto di voi, dalle informazioni di contatto ai vostri dati demografici, fino alle vostre preferenze personali. Anche se questo in teoria dovrebbe assicurarvi una migliore esperienza di shopping, la frequenza con cui vengono usate pratiche di crittografia poco sicure significa anche che molti dei vostri dati sono a rischio nel caso che un sito web subisca una violazione dei dati.

5. Chiudete gli account inutilizzati.

Quando cominciate a memorizzare password e dettagli dei siti web in un gestore di password, vi stupirete da quanti account riuscirete ad accumulare. È facile dimenticare quei singoli acquisti, registrazioni a forum o download di app che richiedono un account. Con le nostre attività online, tutti noi lasciamo dietro di noi una scia di account inutilizzati. Abituatevi a controllare regolarmente il vostro vault, e chiudete gli account che non usate più o che non vi servono più.

La gestione delle password per voi è una novità? Provate LastPass oggi, è gratis!

PROVA LASTPASS ORA